Il progetto


FUN-F è il gioco-arredo a misura di bambino, concepito per essere uno strumento di scoperta sensoriale e relazionale, che introduce il concetto di Metodo Montessori 2.0 ovvero uno strumento che integra la tecnologia con le teorie pedagogiche montessoriane sul rapporto tra gli oggetti, i sensi e lo sviluppo del bimbo.


FUN-F vuole aiutare i bambini di diverse età a sviluppare le proprie capacità cognitive, sensoriali e relazionali tramite l’utilizzo di elementi che integrano gioco e arredo, capaci di incoraggiare la fantasia dei bimbi con ambienti che stimolano i cinque sensi primari del bambino e l’interazione attiva con il progetto, facendo leva sulla loro naturale curiosità.


Il progetto è concepito per essere vissuto sia come un “esterno” che come un “interno”. L’esterno è lo spazio di relazione, di socialità e confronto tra bambini, quindi uno spazio di natura dinamica.


L’interno invece è lo spazio della scoperta, del gioco sensoriale nel quale il bimbo trova spazi più raccolti e protettivi per poter apprendere il rapporto tra sé e la natura sensibile di ciò che lo circonda.

 

I moduli


FUN-F si compone di cinque moduli base. Ognuno di essi possiede la peculiarità di funzionare sia individualmente che in combinazione con gli altri. I moduli sono tra loro strutturalmente identici e sono composti da una base e tre pareti disposte in modo da permettere tre ingressi/uscita nel modulo.

Vista


Caratterizzato dal colore bianco delle pareti, l’interno sarà definito da luci colorate inserite nelle pareti. Ciascuna parete presenta LED RGB, distribuiti in griglia su tutta la superficie interna, e sensori di prossimità. I sensori rilevano il passaggio del bimbo e l’avvicinarsi della mano, pilotando le animazioni di luce colorata. In questo modo il bambino intuirà in modo semplice la corrispondenza diretta tra i propri movimenti e la risposta della parete.

Placeholder
Placeholder

UDITO


Dal colore giallo, è caratterizzato dalla relazione tra tocco e suono. Peculiarità del modulo è quella di attivare delle tracce audio all’attivazione di alcuni sensori di pressione; ciascun sensore, e conseguente traccia audio, sarà associato ad un differente strumento musicale, con l’obiettivo di offrire uno strumento ludico-didattico musicale. Ogni parete presenterà due altoparlanti e otto sensori distribuiti su tutta la superficie, centrati su una grafica che richiamerà lo strumento utilizzato nella traccia audio eseguita. Ciascuna parete avrà un tema differente che raggruppa una categoria di suoni: strumenti a corda, strumenti a fiato, strumenti a percussione. Il bambino diventerà un piccolo direttore d’orchestra, andando a comprendere come l’unione dei singoli strumenti crei una melodia più complessa e interessante.

Tatto


Caratterizzato dal colore blu, questo modulo rende il bimbo cosciente delle diverse sensazioni derivanti dal toccare elementi con proprietà superficiali diverse; dal ruvido al liscio, passando per il duro, il morbido e così via. In ogni parete saranno dunque presenti diversi elementi in successione tali per cui il bambino si renderà conto delle differenze sostanziali tra i vari materiali.

Placeholder
Placeholder

OLFATTO


Colorato di verde, sarà il modulo che permetterà al bimbo di immergersi in una serie di odori a lui noti e richiamare alla mente l’immagine dell’oggetto correlato all’essenza. Così come nel modulo dell’udito, ogni parete avrà un tema olfattivo diverso e l’oggetto correlato all’essenza sarà disegnato nella parete, in modo da permettere al bimbo di cogliere le differenze e aiutarlo nella comprensione degli odori.

Gusto


Di colore arancione, questo modulo vuole rendere il gusto una esperienza giocosa e stimolante. Le pareti saranno infatti la base per un gioco di abilità nel quale il bimbo dovrà riuscire a far cadere una caramella dalla parte superiore della parete fino a quella inferiore facendola passare per una serie di cilindri, disposti in verticale in una teca, che presentano degli incavi nei quali possono passare le caramelle. Le caramelle vengono poi rilasciate in un contenitore posto nella parte inferiore del pannello e, una volta completato il gioco, potrà assaporare la caramella. Anche qui ad ogni parete sarà associato un gusto diverso, tale da permettere una gustosa comprensione delle differenze.

Placeholder
 

Gli spazi


La composizione dei moduli, una base e tre pareti, consente la realizzazione di tre ingressi/uscita nel modulo. La disposizione delle pareti permette quindi un utilizzo esterno ed uno interno.

Placeholder

INTERNI


L’interno è caratterizzato dalla scoperta sensoriale, dal carattere giocoso e interattivo. Ed è proprio quest’ultimo aspetto a definire il carattere di ogni modulo tramite l’utilizzo del colore e del gioco associato ai cinque sensi.

Placeholder

ESTERNI


L’utilizzo esterno esplicita la vocazione relazionale del progetto ed è caratterizzato dalle sedute, una per ogni parete, tre per ogni modulo.

Le configurazioni


Al variare della disposizione dei vari moduli, è possibile realizzare differenti configurazioni che si adattano agli spazi a disposizione.

Placeholder
Placeholder
Placeholder
Placeholder
Placeholder
 

La costruzione


Per tutti gli elementi del modello si è lavorato sul design in modo da creare degli elementi quanto più semplici e facili da produrre possibili, il tutto in un’ottica di ottimizzazione del materiale e dei tempi di produzione.

Per la produzione del prototipo è stato utilizzato OSB per la base di ogni modulo. Le pareti seguono una struttura ad intercapedine, con legno di abete per la struttura portante in montanti e traversi e pannelli in pioppo per la parte esterna ed interna della parete.

Placeholder

Il progetto è classificabile come “FabLab Ready”, ovvero realizzabile grazie all’utilizzo della strumentazione presente all’interno dei FabLab.

Placeholder

La struttura dei pannelli, le basi, e le parti componenti sono state realizzati nel laboratorio di falegnameria “Arte Legno” di Simone Spiga.

Placeholder

i numeri di fun-f!


Il prototipo FUN-F sposa una filosofia low-cost con le seguenti suddivisioni del budget a disposizione.

0
viti utilizzate
0
kg di Legno
0
giorni di progettazione
0
giorni di realizzazione
0
elementi nel gruppo
 

il gruppo

Il progetto FUN-F nasce dalla collaborazione di …

Roberto Foddai


Placeholder

Architetto, fantasioso e metodico, affronta i problemi alla base affidandosi alla sua cura per i dettagli con creatività rizomatica!

Agnese Mannai


Placeholder

Designer, ingegnosa e ribelle, la sua creatività incontra una spiccata abilità nel fare, capace di sostituire una ruota della sua 500 in meno di 2 minuti!

Nicola Corona


Placeholder

Software Architect e Maker, sguazzando per le immense vie del data mining si immerge nelle profondità dell’elettronica per portare avanti dei prototipi funzionanti!

Samuel Iacolina


Placeholder

HCI expert, Software Developer, Maker con il suo sangue freddo e ingegno risolve sempre gli imprevisti dell’ultimo minuto. Lo spazio-tempo in cui vive gli consente di seguire 2^n progetti!

Simone Spiga


Placeholder

Falegname, da oltre vent’anni si occupa a 360 gradi con grande passione di lavorazione del legno.
Le sue competenze spaziano dalla realizzazione di arredi ed infissi, passando per il restauro e l’intaglio.

PREMI ED ESPOSIZIONE

Il progetto FUN-F è vincitore del “Contest For Kids”, iniziativa che premia il miglior progetto di design ideato per arredare e animare le sale d’aspetto destinate ai bambini.

Il progetto FUN-F è stato esposto nell’area Kids della Maker Faire Rome, dal 16 al 18 Ottobre 2015, all’interno di un’area di circa 3000 mq dedicata a bambini e ragazzi dai 5 ai 16 anni.

Il progetto FUN-F è stato esposto nella sua versione completa con cinque moduli sensoriali al Festival della Scienza a Cagliari, all’ExMa nella sala della Terrazza.